Presa di posizione delle Associazioni sui buoni carburante rubati sulla rete Tamoil


Faib, Fegica e Figisc, con una nota congiunta, sono intervenute sulla questione dei buoni carburanti risultati rubati.
La nota, emessa a seguito di numerose segnalazioni di gestori circa l’ addebito di importi inerenti buoni rubati , con riferimento al periodo in cui gli stessi gestori non erano stati informati dell’ avvenuto furto, contesta la posizione dell’azienda.
Le tre associazioni ritengono, in merito, ingiustificato ogni addebito ai gestori e respingono le modalità di contestazione dei fatti, diffidando l’azienda dal proseguire nell’azione di rivalsa sui gestori che risultano estranei al fatto.
Le associazioni, dicendosi disponibili alla più ampia collaborazione per eliminare tale traffico illegale, richiamano l’azienda al rispetto dei fatti e a rivalersi sui reali responsabili dei furti.